Only Italia al Ciade porta la tradizione, il made in italy e le aziende di qualità

Alcune foto della fiera Ciade  in diretta dalla Cina dove Irene Pivetti, Presidente di Only Italia e il suo staff, tra cui il Responsabile Area Food&Market Andrea Torracca stanno promuovendo il made in italy e la qualità delle aziende italiane, con molti imprenditori cinesi interessati al nostro mercato.

Italia e Cina, un rapporto profondo e radicato che sembra avere inizio con le testimonianze del grande Leonardo padre della cultura italiana, prendendo spunto – così sembra- dagli antichi progetti cinesi e dalla cultura orientale della madre.

Così afferma durante il convegno CIADE Andrea Torracca: “Ci piacerebbe che, dopo 500 anni dalla sua morte, tale unione possa portare ad un’ulteriore svolta significativa per l’umanità, e che possa realizzarsi in diversi settori quali l’industria alimentare, agricola, d’allevamento, infrastrutturale, militare, ingegneristica ecc., in nome di quel rapporto d’amicizia Italia-Cina, così tanto sostenuto dal Presidente cinese Xi Jinping e dal Presidente italiano Sergio Mattarella. Tale rapporto deve basarsi sempre di più su fondamenta solide, ispirate dalle naturali convergenze tra due antichissime civiltà che continuano a coinvolgersi, stimolarsi e progredire.

Le relazioni economiche e commerciali hanno un ruolo significativo nel quadro delle relazioni bilaterali tra Italia e Cina. Il consistente, e crescente, interscambio, le relazioni tra le nostre imprese, gli investimenti reciproci sono conferma della fiducia sulla quale poggiano i nostri rapporti, alla cui base però c’è anche un profondo rispetto delle reciproche culture. Only Italia auspica in una collaborazione e sinergia totale, da cui possano scaturire idee, intese, progetti atti ad assicurare un futuro di benessere e di pace tra tutte le popolazioni dei due continenti; siamo, d’altronde, tutti sotto lo stesso cielo…

Dobbiamo come 500 anni fa, permettere un balzo avanti unendo le nostre culture ..Un balzo sulle tecnologie agricole rispettose dell’ambiente, un balzo sull’ ingegneria, le persone non dovranno essere in contatto solo virtualmente,ma soprattutto con nuove infrastrutture, dobbiamo trovare soluzioni insieme per la diminuzione l’inquinamento, una feroce lotta contro i pesticidi e velocizzare lo studio per le malattie rare anche infezioni. Sogno che insieme possiamo scrivere una nuova pagina della storia…”